Capodanno Cinese - Anno del Topo

Buon anno del Topo a tutti!
23 Gennaio 2020
Lanterne Cinesi

Come ogni anno, in questo periodo, stiamo per assistere alla più grande migrazione di persone nel mondo.
L’occasione è il festeggiamento dell’inizio del nuovo anno cinese, che quest’anno si apre ufficialmente il 25 di gennaio, momento in cui centinaia di milioni di persone sono in movimento. 
Si stimano circa 3 miliardi di viaggi in occasione di questo Capodanno Cinese, si tratta probabilmente della più grande celebrazione sulla Terra.
Questo è considerato il momento sacro di ricongiungimento alla propria famiglia, di ritorno al proprio luogo di origine per i festeggiamenti e le preghiere che inizieranno già nella serata di venerdì, ovvero con il tradizionale “cenone” della vigilia.

Capodanno cinese – breve storia
Il Capodanno Cinese, conosciuto anche come Festa di Primavera, ha origine più di 3000 anni fa.
Strettamente legata a credenze antiche, questa festa è collegata al ciclo del raccolto (Nian, che oggi significa anno) e durante questo periodo venivano offerti sacrifici alle divinità. 
La sua cadenza varia di anno in anno in quanto questa ritualità è legata al calendario lunare.
Tradizionalmente i festeggiamenti si svolgono in famiglia, viene usato il colore rosso che ha una rilevanza particolare per la cultura cinese. Inoltre Nian era anche il nome di un mostro leggendario che nel giorno di Capodanno mangiava uomini e animali. I modi più comuni per tenerlo lontano erano le decorazioni rosse e lo scoppio di petardi.  
 
Ma come è nato lo zodiaco cinese?
Il Capodanno Cinese governa e determina anche il ciclo dello zodiaco cinese.
Diverse leggende parlano della nascita dello zodiaco, tra cui una narra che fu il Buddha a chiamare a raccolta tutte le specie di animali presenti sulla terra per l’ultimo saluto, presagendo la fine della terra. Tuttavia non tutti si presentarono, ma solo alcuni: il primo ad arrivare fu il Topo, seguito da altri animali: Bufalo, Tigre, Coniglio, Drago, Serpente, Cavallo, Capra, Scimmia, Gallo, Cane e Maiale. Per premiare la loro fedeltà, il Buddha decise di soprannominare ogni ciclo lunare con il nome di uno dei 12 animali.
Un’altra leggenda invece spiegherebbe anche la storica rivalità tra gatto e topo, infatti sembra che l’Imperatore di Giada (sovrano del Cielo e della Terra) decise un giorno di scendere personalmente per visitare la Terra e rimase stupito da alcune creature terresti (proprio quelle dello zodiaco!), e decise di portarle via con sé per mostrarle alle altre divinità. L’imperatore però non vide il gatto, il più bell’animale tra tutte le specie, poiché il topo, geloso della sua bellezza, non lo informò.

Anno del topo
Nonostante generalmente il topo non sia considerato un animale nobile, è il primo segno dello zodiaco cinese. Dal 1900 gli anni del topo sono 1912, 1924, 1936, 1948, 1960, 1972, 1984, 1996, 2008, 2020, 2032. Le sue caratteristiche principali risultano essere l’arguzia, la prontezza, la sensibilità, la flessibilità e la vitalità. Sembra inoltre che chi appartenga al segno del topo sia una persona giudiziosa, cauta e meticolosa. 
I percorsi professionali più adatti alle persone di questo segno sono i ruoli dirigenziali da amministratori e manager, imprenditori ma sono inclini a professionalità più artistiche come scrittori, musicisti fino a ruoli da avvocato o nella politica.